La Valcanale Punti d’interesse

SCOPRI I MERAVIGLIOSI LUOGHI DELLA VALCANALE

Scenari naturalistici mozzafiato e siti storici fuori dal tempo si mescolano e rendono unica la tua esperienza in Valcanale! 

MONTE LUSSARI

Perché una leggenda prenda vita è necessario un ambiente magico, e questo lo è. La leggenda legata all’edificazione del Santuario del Monte Lussari, nasce sul Monte Santo, sulla cui sommità, nel 1360, un pastore di Camporosso trovò tutte le sue pecore accovacciate come in preghiera davanti ad un cespuglio di ginepro. In quel preciso punto venne rinvenuta una statua lignea raffigurante la Madonna con il Bambino, che il pastore decise di portare al parroco del suo paese, ma per ben tre volte la Madonna “traslò” miracolosamente sul monte. Il sacerdote ritenne opportuno riferire l’accaduto al Patriarca di Aquileia, il quale ordinò la costruzione del santuario. Il Monte Lussari, oltre che luogo di preghiera dei Tre Confini, costituisce anche un luogo di altissimo interesse naturalistico. D’inverno vi convivono pellegrini e sciatori, grazie alla presenza della rinomata pista Di Prampero. Vi si accede a piedi tramite il Sentiero del Pellegrino (sentiero CAI 613 617) oppure con la cabinovia con partenza da Camporosso.

Vedi l'evento sulla mappa

FORT HENSEL

Alle pendici del monte Tschalawaj un’enorme piramide di marmo sovrasta un leone ferito, simbolo dell’Impero austroungarico ferito mortalmente dai francesi. Qui, dal 14 al 17 maggio 1809, 390 soldati asburgici con in testa il capitano Friedrich Hensel difesero eroicamente il forte Hensel. Il forte Hensel, costruito in muratura nella metà dell‘800, è stato bombardato durante la prima guerra mondiale e solo recentemente è stato reso visitabile grazie al Parco tematico della Grande Guerra “Fort Hensel”.

Vedi l'evento sulla mappa

MONTE CALVARIO

L’antico sentiero devozionale del Calvario forma una percorso ad anello con il nuovo mini-trekking di Animalborghetto. Partendo dal retro del municipio, al centro del paese, il sentiero si inerpica verso la cappella di Sant’Anna che apre una delle “Vie Crucis” più antiche della Valcanale. Seguono le sette antiche cappelle, contenenti ciascuna due rappresentazioni delle stazioni della Via Crucis. Sulla sommità, in una posizione panoramica di grande suggestione, sorge la Chiesetta del Calvario, perfetta per una sosta meditativa, prima di ridiscendere in paese attraverso lo stesso sentiero oppure lungo il mini-trekking di Animalborghetto.

Vedi l'evento sulla mappa

LAGHI DI FUSINE

Meravigliosi come smeraldi, i laghi di Fusine sono due: quello Inferiore, a 924 m. sul livello del mare, ha una superficie di 90.000 mq ed è profondo 25 m circa, più del doppio di quello Superiore che, con i suoi 10 m di profondità, si trova a 928 m sul livello del mare ed ha una superfice variabile di circa 150.000 mq. Il Lago Superiore è alimentato dalle acque che scendono dalle pendici della cerchia Ponza Grande – Mangart e tributa le sue acque nel lago Inferiore attraverso “canali” sotterranei che passano sotto il cordone morenico che li divide. Il Rio del Lago è l’unico emissario di entrambi i laghi. La lingua di terra che separa i due specchi d’acqua è caratterizzata dalla presenza di diversi massi erratici, tra cui il masso Pirona che, con i suoi 30.000 metri cubi, è annoverabile fra i più grandi d’ Europa.

Vedi l'evento sulla mappa

LAGO DI CAVE

È il secondo lago più grande della regione, dopo quello di Cavazzo. Sito nella valle del Rio del Lago a 959 m di quota, lungo la strada statale n. 54, il lago di Cave si estende per un chilometro e mezzo. Nelle sue acque si specchiano le suggestive cime delle Cinque Punte (1919 m). Alla formazione del lago si lega una cupa leggenda, secondo la quale l’antico paese di Raibl (Cave del Predil) abitato da gente avida e senza cuore, fu sommerso dalle acque in seguito a un tremendo temporale che si scatenò quale punizione divina dopo che gli abitanti di Raibl si rifiutarono di dare ospitalità ad una povera donna ed al suo bimbo. Sull’isoletta, che ancora oggi emerge dalle acque del lago, pare sorgesse la dimora dell’ unico vecchio generoso che offrì un giaciglio per la notte ai due viandanti. Il lago offre spiagge attrezzate dove è possibile noleggiare attrezzatura nautica, dal kajak alla surf -bike, dalle mute alle barche.

Vedi l'evento sulla mappa

FORTE BEISNER OPERA 4

Si tratta di una caserma sotterranea posta nelle viscere del Monte Palla – in tedesco Kugelberg – nella zona orientale della Piana di Valbruna e nata nel 1938 poco prima del secondo conflitto mondiale come parte del “Vallo Alpino del Littorio”, un sistema fortificato con inizio a Ventimiglia e termine a Fiume. Il bunker, mai effettivamente utilizzato per scopi bellici durante il conflitto, è stato poi riaperto nel periodo della guerra fredda a causa della posizione strategica del Friuli Venezia Giulia a Est.
L’Opera 4 è visitabile grazie al lavoro dell’associazione locale “Landscapes – Paesaggi Alpini in Valcanale”.

www.landscapesvalcanale.eu

Vedi l'evento sulla mappa

ALTOPIANO DEL MONTASIO

Caratterizzato da ampi pascoli ai piedi della catena montuosa dello Jôf di Montasio, questo altopiano è unico e facilmente raggiungibile. È possibile arrivarci da Sella Nevea in macchina (6km) oppure a piedi lungo il sentiero delle malghe. Nel periodo estivo è possibile degustare i prodotti caseari della Malga Montasio e avventurarsi verso le cime lungo sentieri affascinanti nella roccia. Particolarmente scenico anche nel periodo invernale, è meta di numerosi alpinisti che risalgono i pendii con gli sci d’alpinismo per poi sfrecciare in discesa in neve fresca.

Vedi l'evento sulla mappa

Vuoi ricevere i nostri aggiornamenti?

Esplora la mappa interattiva della zona

Vedi la mappa interattiva

© Visitvalcanale 2020