Mostra “Quando Pramollo stava all’equatore”

Mostra “Quando Pramollo stava all’equatore”

Mostra “Quando Pramollo stava all’equatore”

Mostra multimediale permanente alla scoperta del mondo di 300 milioni di anni fa

Il percorso della mostra si sviluppa in tre ambienti. Nella Sala del Territorio è rappresentata l’evoluzione del
settore di Pramollo durante il trascorrere del tempo geologico; sono illustrate le ragioni dell’alternarsi ripetuto
di strati marini e terrestri e delle meraviglie fossili che essi racchiudono. Qui è possibile sperimentare l’uso
diretto degli strumenti digitali dei paleontologi.

Nella Sala del Viaggio Temporale il visitatore attraverserà gli scenari del Periodo Carbonifero. Si ritroverà ai
tempi in cui Pramollo non era ancora una fila di montagne come oggi ci appare, ma un delta fluviale – a tratti
coperto da boschi – le cui ghiaie e sabbie sfociavano in un mare brulicante di vita. Le strategie utilizzate
nell’allestimento contemplano affreschi paleontologici e scenari preistorici interattivi popolati di anfibi giganti,
scorpioni di mare, trilobiti e squali che reagiscono ai movimenti dei visitatori. Per gli organismi di ridotte
dimensioni saranno i microscopi digitali, a proiettarne le macrovisioni.

L’ultima saletta favorisce un’immersione sensoriale totale negli ambienti che caratterizzavano il settore di
Pramollo durante il Carbonifero superiore. In essa, le proiezioni dinamiche, in contemporanea su tutte le pareti,
ricreano i panorami e gli ambienti del tempo. Il fruitore interagirà con essi e con gli antichi organismi grazie al
movimento del proprio corpo (motion sensing). Sarà questa l’ultima delle emozioni trasmesse dal percorso
della mostra, strutturato in un crescendo di multimedialità e di sensazioni percettive.

Vuoi ricevere i nostri aggiornamenti?

Esplora la mappa interattiva della zona

Vedi la mappa interattiva

© Visitvalcanale 2020